AttrezzaturaBlog

Move Every Mind

Disconnessa.

Da me, dagli altri, dal mondo che mi circonda. A volte è così che mi sento, disconnessa.

In quei momenti cerco di mettermi in movimento. Muovermi mi fa bene, mi aiuta a ristabilire un contatto profondo con me stessa. La corsa più di ogni altro sport ristabilisce la connessione con la Sara interiore. Concentrarmi sulla percezione di ogni singolo muscolo che avanza nello spazio, contraendosi e distendendosi, mi fa sentire presente, viva.

Tutti sono liberi di muoversi e fare sport. Non tutti però sono nelle condizioni di poterlo fare ogni qualvolta lo desiderano. Il motivo? Per non togliere tempo a qualcuno o a qualcosa perché spinti da un senso di “dovere”, per non sentirsi in colpa per aver dedicato del tempo a noi stessi.

Può essere capitato a tutti di essersi trovati in una situazione del genere almeno una volta nella vita. Per molte donne questa non è l’eccezione, ma la regola.

L’ASICS State of Mind Index, un nuovo studio condotto dal brand giapponese, ha sottolineato come ancora oggi esista un divario di genere nella pratica dell’esercizio fisico. In altre parole le donne si allenano molto meno degli uomini, perdendo i benefit che l’attività fisica sprigiona sulla mente.

ASICS vuol delle risposte, capire come mai al giorno d’oggi esista ancora tale differenziazione e da quali fattori sia determinata. I risultati ottenuti da questo nuovo studio globale, a cui si può partecipare iscrivendosi a questo link, hanno lo scopo di trovare la chiave per aiutare le donne a tornare a muoversi senza freni.

Contestualmente la nuova campagna Move Every Mind che è stata lanciata dal brand intende rimarcare ancora un volta l’impatto positivo che il movimento ha sulla mente di chi pratica sport. Un ulteriore scopo è quello di aiutare ad affrontare le disuguaglianze nello sport, contribuendo al benessere psicofisico di tutti, senza alcuna distinzione di sesso o genere.

NAGINO è la collezione ASICS creata dalle donne per le donne. Una capsule collection che racchiude capi pensati per far sentire a proprio agio ogni donna che li indossa, ricercando la mindfulness attraverso il movimento.

Il pezzo che preferisco della collezione NAGINO è senza ombra di dubbio lo short. Il dettaglio che lo rende unico è la sovrapposizione dei lembi di stoffa che sulla gamba ricordano i petali di un tulipano.

Leggero, quasi impalpabile, ha una cintura alta e morbida che avvolge dolcemente la vita. Sul retro c’è una taschina posteriore dotata di zip, comodissima per riporre il cellulare.

 

Nelle giornate più calde, quando anche correre in canotta diventerà proibitivo, si potrà usare la seconda tasca, senza cuciture laterali, per inserirci comodamente la canotta, senza doverla arrotolare senza sapere bene dove sistemarla per non perderla per strada. 

N.B. A differenza della stragrande maggioranza questo short non ha lo slip interno integrato. Superata la perplessità iniziale, questa mancanza non ha rappresentato alcun problema per me.

Il bra è un capo molto personale. Non ho chissà quali esigenze in relazione a questa tipologia di indumento. Quello che cerco in un bra è che:

– segua le mie forme;

– non mi costringa né opprima;

– abbia un’ottimo sistema di traspirazione.

La canotta, dal taglio morbido, riprende il concetto di leggerezza e freschezza espresso dello short, lasciando massima libertà di movimento a chi la indossa. Personalmente preferisco vestire capi che cadano morbidi, soprattutto nel periodo primaverile ed estivo. Questo modello in particolare garantisce una migliore ventilazione grazie agli inserti in rete presenti nella parte superiore, sia fronte che retro.

Le calze sono il dettaglio che non ti aspetti. In palette con tutto l’outfit sono un modello specifico per la corsa. Nell’atto di calzarle sembra quasi che accarezzino la pelle, fondendosi con questa. Rinforzate in punta e sul tallone presentano una trama zebrata per favorire la ventilazione del piede durante la corsa. Mi piace inoltre la differenziazione tra piede destro (R) e sinistro (L).

Dulcis in fundo è arrivato il suo momento. Novablast 3 si tinge dei colori della collezione NAGINO e si impreziosisce di dettagli unici, come quello presente all’interno dell’imbottitura della linguetta.

Le sfumature di blu, azzurro e panna prendono ispirazione dalla tranquillità dell’acqua del mare capace di creare un mindset equilibrato nel corso dell’allenamento.

Le decorazioni a forma di origami impreziosiscono la tomaia e l’intersuola in FF BLAST™ PLUS restituisce una sensazione di leggerezza e reattività a contatto con la strada.

Una scarpa che per me continua a essere una conferma, una certezza. Come lo è muovermi, fare sport, correre. Perché non c’è niente che mi faccia sentire meglio.

Nothing feels better

 

, , , ,
Correre in compagnia
35th ASICS Austrian Women Run

Post correlati

ASICS GEL-KAYANO 30

Correre in una nuova città mi dà la sensazione di fare qualcosa che non ho mai fatto prima. Qualcosa di nuovo, inedito. Ogni senso mi sembra amplificato: la vista, l’olfatto,…

35th ASICS Austrian Women Run

Indosso la felpa della maratona di Barcellona e le GEL-CUMULUS 25 ai piedi. Sono al gate di partenza in aeroporto in attesa che una voce al microfono annunci l’inizio dell’imbarco…

ASICS Gel-Nimbus 25

Essere stanchi ancora prima di iniziare a correre. Capita. Mi è capitato proprio qualche giorno fa. Dopo due giorni molto intensi e densi di avvenimenti che mi hanno tenuto impegnata…